Image

Il monte Conero

Comuni di Ancona e Sirolo

Il monte Conero è il promontorio più importante del medio Adriatico e quello che ha le rupi marittime più alte di tutto l'Adriatico italiano.
Nonostante la sua limitata altitudine, merita appieno il nome di monte per l'aspetto maestoso che mostra a chi lo osserva dal mare, per i suoi sentieri alpestri, per gli strapiombi altissimi con panorami mozzafiato.
Il Monte si può esplorare a piedi, in bicicletta o anche a cavallo. Molte aree sono chiuse al transito di veicoli per proteggerne il prezioso ambiente mediterraneo.
Secondo la Lipu il monte Conero rientra fra i migliori 10 luoghi in Italia per il birdwatching.

Le grotte di Frasassi

Comune di Genga

Le grotte di Frasassi sono delle grotte carsiche sotterranee che si trovano all'interno del Parco naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi nel Comune di Genga, in provincia di Ancona. Sono state scoperte nel 1971 dal Gruppo Speleologico Marchigiano CAI e aperte al pubblico nel 1974.
Questo affascinante mondo sotterraneo è popolato di singolari forme che prendono i nomi di stalattiti e stalagmiti. Si possono inoltre ammirare dei piccoli laghi e delle sale con arabeschi di cristallo e alabastro.

Image
Image

Il borgo di Corinaldo

Comune di Corinaldo

La città medievale di Corinaldo è posto speciale da visitare. Una cinta muraria circonda il borgo e la sua famosa scalinata di cento gradini verso cui convergono le case in mattoni rossi disposte a spina di pesce.

Questa fantastica cittadella è considerata una dei borghi più bello d'Italia e vanta i natali della Santa Maria Goretti.

Città sotterranea di Camerano

Comune di Camerano

Un paese sotterraneo quasi fiabesco sotto la città, un percorso di grotte segrete ricche di abbellimenti architettonici, decorazioni, volte a cupola, a vela, a botte, sale circolari e colonne.

Un mistero ancora da svelare che stupisce sempre più visitatori.

Image
Image

"La scarpa" delle antiche mura di Morro d'Alba

Comune di Morro d'Alba

Morro d'Alba ha origini lontanissime. La sua esistenza storica è accertata intorno all'anno Mille, quando compare come "Curtis" in un atto imperiale di Federico I.

Ma le sue campagne, le zone dell'attuale territorio comunale, risultavano già abitate in epoca romana.

Ad attestarlo è un medaglione aureo che riporta la scritta ricostruita "Theodoricus pius princeps invictus semper", rinvenuto in una tomba a Sant'Amico nelle vicinanze del paese e oggi conservato presso il Museo delle Terme di Roma.

Loreto

Comune di Loreto

La città di Loreto sorge sulla sommità di una collina ed è una delle mete religiose più importanti d'Italia. Al centro della cittadina sorge infatti la Basilica della Santa Casa che ospita la celebre reliquia della Santa Casa di Nazaret, nella quale la Vergine Maria ricevette l'annuncio della nascita di Cristo.
La Basilica fu costruita in epoca Rinascimentale grazie al lavoro di importanti architetti tra i quali si ricorda Giovanni Alberti, Baccio Pontelli, Bramante, e molti altri. La facciata fu iniziata nel 1571 da Francesco Boccalini e terminata nel 1587 da Lattanzio Ventura. La cupola, opera di Giuliano di Sangallo terminata nel 1500, ha un diametro di 22 metri ed è la terza in Italia dopo quella di San Pietro a Roma e di Santa Maria del Fiore a Firenze. Il campanile fu innalzato tra il 1750 e il 1755 dal grande Luigi Vanvitelli.
Oltre la Basilica la città vanta diversi importanti munumenti come Palazzo Apostolica, l'opera barocca Fontana Maggiore e il monumento a papa Sisto V.

Image
Image

Castello di Gradara

Comune di Gradara

Il castello di Gradara è una fortezza medioevale che sorge nel Comune di Gradara, nelle Marche. Particolarmente suggestiva è la vista della Rocca e del sottostante borgo storico nelle ore notturne. Il castello, oggi di proprietà demaniale, è uno dei monumenti più visitati della regione ed è teatro di eventi museali, musicali ed artistici.

Gradara è stata, per posizione geografica, fin dai tempi antichi un crocevia di traffici e genti. La Rocca avrebbe fatto da sfondo, secondo talune ipotesi storiche, al tragico amore tra Paolo e Francesca, moglie di suo fratello Gianciotto, cantato da Dante nella Divina Commedia.

La rotonda a mare "un sogno tra mare e terra"

Comune di Senigallia

A partire dagli anni ’30 e ’40 l’impronta turistica di Senigallia diventa sempre più marcata. Un monumento celebra in modo superbo quella vocazione: la Rotonda a Mare, vera e propria icona capace di plasmare l’identità cittadina e di riassumerne le ambizioni.

L’inaugurazione della nuova Rotonda è avvenuta nell’estate 2006. Il progetto di utilizzo della Rotonda si propone ora di fondere all’interno dello stesso spazio le funzioni di intrattenimento e di promozione turistica dell’intera regione, imponendosi come spazio accessibile a tutti, vetrina di tutte le proposte originali che provengono dalla cultura contemporanea.

Image
Image

Recanati

Il colle dell’infinito Giacomo Leopardi

L'antica cittadina, ricca di suggestioni leopardiane, ha raccolto anche l'eredità del tenore Beniamino Gigli e del pittore Lorenzo Lotto.

Tra i luoghi e gli edifici più importanti da vedere a Recanati troviamo la grande Piazza Giacomo Leopardi in cui svetta l’antica Torre del Borgo, diventata museo, e Piazza Sabato del Villaggio antistante Casa Leopardi, dove visse e studiò il poeta, adibita anch’essa a museo.

Chi si trova a Recanati dovrà assolutamente visitare il Colle dell'Infinito e il suggestivo percorso che conduce nel luogo dove Leopardi scrisse la celeberrima poesia “L’Infinito”.